Teletrade: L’ultima riunione della Fed nel 2020 e la decisione finale sulla Brexit determineranno il movimento del mercato

di | Dicembre 13, 2020

L’evento principale di trading di questa settimana si è concluso. Giovedì, a seguito del meeting, la Banca Centrale Europea ha soddisfatto tutte le aspettative di mercato, espandendo il programma di riacquisto degli asset pandemici (PEPP) da 500 miliardi di euro a 1,85 trilioni di euro. Il programma è stato esteso di 9 mesi fino a marzo 2022. Inoltre, la BCE ha annunciato che sta monitorando da vicino la crescita dell’euro.

Gli investitori stavano aspettando questi sviluppi. In uno schema così trasparente, non ci sono opportunità speciali per la volatilità, quindi ieri abbiamo visto dinamiche per lo più laterali nel mercato azionario americano e, probabilmente, oggi osserveremo qualcosa di simile. Ora l’attenzione degli operatori si sposta sulla riunione della Fed che si terrà tra martedì e mercoledì prossimo e che, a quanto pare, potrebbe rivestire grande importanza. Gli investitori attenderanno anche l’esito dei negoziati sull’accordo Brexit, la cui prossima scadenza è fissata questo fine settimana.

A fronte dell’ennesimo termine di scadenza in dirittura d’arrivo, il Primo Ministro britannico ha detto di voler verificare tutte le possibilità per raggiungere un accordo prima di lasciare i negoziati. Inoltre, entrambe le parti stanno iniziando a prepararsi seriamente al fallimento dell’accordo. L’UE ha pubblicato ieri un piano d’azione per far fronte a tale eventualità. Anche il Regno Unito, a sua volta, si sta preparando, almeno questo viene fatto dalla vendita al dettaglio britannica, che sta aumentando il volume delle scorte, commenta l’analista di TeleTrade.

È improbabile che il Regno Unito accetti un accordo alle condizioni attuali. La Gran Bretagna cerca la massima indipendenza economica, commerciale, legislativa e politica. Nell’attuale accordo non c’è niente di tutto questo, e si può anche dire che vada a minare la posizione economica e politica della Gran Bretagna.

L’unico modo per raggiungere un accordo è fare concessioni unilaterali all’UE. Con tutta probabilità i beneficiari dell’Unione non vogliono creare un precedente pericoloso di un paese che non solo si è staccato dall’UE, ma anche a condizioni favorevoli. Quindi, o entro domenica Johnson sarà costretto a cedere “obtorto collo”, il che è improbabile, oppure domenica-lunedì saremo informati del fallimento dell’accordo. C’è anche la possibilità di una nuova scadenza, ma questa sarebbe una svalutazione del significato delle promesse dei maggiori politici europei. Lo stesso primo ministro britannico ha annunciato la sua probabile uscita dall’UE senza un accordo. Tuttavia, ci sono state dichiarazioni simili prima.

Per quanto riguarda l’argomento principale della prossima settimana, la riunione della Fed, uno degli scenari più probabili è già visibile qui e può essere chiamato “pass-through” per il regolatore, poiché durerà tra dicembre e gennaio. La passività della Fed al momento attuale, soprattutto nel contesto dell’ondata inflazionistica continua, potrebbe creare le condizioni per la correzione degli indici azionari nella metà del primo trimestre del 2021, analizza la situazione l’analista di TeleTrade.

Quindi, è più ragionevole aspettarsi un fine settimana scarsamente volatile, vicino ai livelli raggiunti adesso. Ma allo stesso tempo, ci si dovrà preparare al fallimento dei colloqui sulla Brexit e a riflettere sulla reazione del mercato se la Fed confermerà la sua posizione passiva la prossima settimana.


Analista di TeleTrade Giancarlo Della Pietà

Esperienza nel trading: dal 2006

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *