Le principali caratteristiche della produzione per il magazzino

di | Novembre 18, 2021

La produzione per il magazzino o Make to Stock (MTS) è una strategia di produzione tradizionale utilizzata dalle aziende per abbinare l’inventario alla domanda anticipata dei consumatori. Invece di impostare un livello di produzione e quindi tentare di vendere merci, un’azienda che utilizza la strategia Make to Stock, stimerebbe quanti ordini potrebbero generare i suoi prodotti e quindi fornirebbe scorte sufficienti per soddisfare tali ordini. Questo metodo richiede dunque una previsione accurata di questa domanda per determinare la quantità di scorte che produce. Se la domanda per il prodotto può essere stimata con precisione, la strategia Make to Stock è dunque una scelta efficiente per la produzione.

I possibili inconvenienti del Make To Stock

In teoria, il Make to Stock è un metodo per un’azienda per prepararsi ad aumenti e diminuzioni della domanda. Tuttavia, i numeri di magazzino e, di conseguenza, la produzione, sono ottenuti attraverso la creazione di previsioni della domanda futura, che si basa su dati passati. Le previsioni della domanda dei consumatori vengono effettuate utilizzando metodi statistici come la proiezione del trend e l’analisi di regressione.

La proiezione del trend utilizza i dati passati sulle vendite e le preferenze dei consumatori per fare proiezioni sul futuro. L’analisi di regressione stabilisce le relazioni tra la domanda e i fattori che la influenzano, come il prezzo e il reddito, per stimare la domanda futura. Se le previsioni dovessero essere anche leggermente errate, l’azienda potrebbe scoprire di avere troppe scorte e liquidità limitata, o scorte insufficienti e potenziale di profitto non raggiunto.

La modifica delle preferenze dei consumatori, le calamità naturali e altre circostanze impreviste possono determinare proiezioni della domanda imprecise e portare a sprechi e perdite. Questa possibilità di errore è lo svantaggio principale dell’utilizzo del sistema Make to Stock per la produzione.

Informazioni errate possono portare a scorte in eccesso, esaurimento scorte e perdite di entrate. Può anche portare all’incapacità di soddisfare la domanda, riducendo così il potenziale di reddito. Inoltre, in settori frenetici come l’elettronica o la tecnologia informatica, l’inventario in eccesso può diventare rapidamente obsoleto. Inoltre, un approccio di tipo Make to Stock richiede a un’azienda di riprogettare le operazioni in momenti specifici, invece di mantenere un livello costante di produzione per tutto l’anno.

Naturalmente, produttori, distributori e rivenditori devono fare piani dettagliati su quando iniziare la produzione e la distribuzione per garantire che i prodotti finiti siano presenti nei negozi al momento giusto per consentire agli acquirenti di acquistarli.

Questo aggiustamento regolare finisce per essere costoso e l’aumento dei costi deve essere trasferito al consumatore o essere assorbito dall’azienda. L’efficacia dell’approccio Make to Stock dipende interamente dalla capacità di un’azienda di prevedere correttamente la domanda futura che i clienti avranno per i suoi prodotti. La tipica imprevedibilità dell’economia e dei cicli economici rende questa strategia una sfida per qualsiasi azienda, ma essa diventa particolarmente complicata quando un’azienda opera in un settore che presenta cicli di vendita ciclici o stagionali. Strategie di produzione alternative comuni che evitano gli svantaggi del Make to Stock includono la produzione su ordinazione (Make to Order) e l’assemblaggio su ordinazione (Assemble to Order).

Entrambi vincolano la produzione alla domanda, ma nel caso di del Make to Order, l’output di un articolo inizia dopo che l’azienda riceve un ordine cliente valido. L’Assemble to Order è una sorta di compromesso tra Make to Stock e Make to Order: i componenti di base sono costruiti in anticipo, ma un prodotto finito non viene creato fino a quando non arriva un ordine valido.

Un esempio concreto

Le aziende manifatturiere utilizzano spesso il metodo Make to Stock per prepararsi a periodi di alta produzione.

Ad esempio, molti rivenditori generano la maggior parte delle loro vendite nel quarto trimestre dell’anno. Per le aziende manifatturiere che riforniscono questi rivenditori, la maggior parte della loro produzione deve arrivare nel secondo e terzo trimestre dell’anno, per prepararsi all’aumento della domanda. Utilizzando il metodo di produzione Make to Stock, supponiamo che il gruppo LEGO, produttore dei famosi mattoncini LEGO e altri giocattoli, guardi indietro agli anni precedenti e supponga, sulla base dei dati passati, che la domanda aumenterà del 30% nel quarto trimestre rispetto al terzo trimestre.

Per prepararsi, il produttore produce il 30% in più dei suoi giocattoli a luglio, agosto e settembre per soddisfare le previsioni della domanda per il quarto trimestre. Inoltre, durante il quarto trimestre, LEGO esamina i numeri passati per vedere quanta domanda diminuirà dalla fine dell’anno al primo trimestre del nuovo anno, riducendo di conseguenza la produzione. Se invece LEGO stesse adottando una strategia di tipo Make to Order, non aumenterebbe la produzione, ad esempio, dei suoi mattoncini del 30% fino a quando un rivenditore non avrà inviato loro uno specifico ordine che lo richieda. Oppure stesse adottando un approccio di tipo Assemble to Order, potrebbe avere i mattoni aumentati fatti e pronti, ma non avrebbe messo insieme kit completi confezionati fino a quando non avesse ricevuto l’ordine di un rivenditore. In questo modo, viene mitigato il rischio di una previsione della domanda imprecisa, poiché sia ​​LEGO che i rivenditori lo condividono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *