Che cos’è il make to order

di | Agosto 23, 2021

Il Make to Order, o made to Order (MTO), è una strategia di produzione aziendale che in genere consente ai consumatori di acquistare prodotti personalizzati in base alle loro specifiche. È un processo di fabbricazione in cui la produzione di un articolo inizia solo dopo la ricezione di un ordine del cliente confermato. È anche noto come personalizzazione di massa. I vantaggi del MTO includono la personalizzazione per i clienti, la riduzione dell’obsolescenza delle scorte e dell’inventario dei prodotti finiti e gli sprechi complessivi, mentre gli svantaggi del MTO includono l’aumento dei costi e l’aumento dei tempi di attesa per un prodotto finito. Il MTO può essere contrastato con la produzione Make to Stock (MTS), per cui le scorte vengono prodotte prima che i consumatori le acquistino dallo scaffale.

Capire a fondo il Make to Order

La strategia Make to Order significa che un’azienda produce il prodotto finale solo una volta che il cliente ha effettuato l’ordine, creando tempi di attesa aggiuntivi per il consumatore per ricevere il prodotto, ma consentendo una personalizzazione più flessibile rispetto all’acquisto direttamente da scaffali dei rivenditori. Questo tipo di strategia di produzione viene definita “operazione della catena di approvvigionamento di tipo pull” perché i prodotti vengono realizzati solo quando c’è una forte domanda da parte dei clienti. Il modello di produzione di tipo pull è impiegato dall’industria dell’assemblaggio in cui la quantità necessaria da produrre per le specifiche del prodotto è una o solo poche. Ciò include industrie specializzate come l’edilizia, la produzione di aeromobili e navi, ponti e così via. Il MTO è anche appropriato per prodotti altamente configurati come server di computer, automobili, biciclette o prodotti che sono molto costosi da mantenere in magazzino. Al fine di gestire i livelli di inventario e fornire un maggiore livello di personalizzazione, alcune aziende adottano il sistema di produzione su ordinazione. La strategia MTO allevia i problemi di scorte in eccesso che sono comuni con la tradizionale strategia Make to Stock. Dell Computers è un esempio di azienda che utilizza la strategia di produzione MTO, in cui i clienti possono ordinare un computer completamente personalizzato online e riceverlo in un paio di settimane. Il vantaggio principale del sistema MTO è la capacità di evadere un ordine con le specifiche esatte del prodotto richieste dal cliente. Vengono inoltre ridotti gli sconti di vendita e le scorte di prodotti finiti e viene gestita l’obsolescenza delle scorte. Tuttavia, affinché un sistema MTO abbia successo, dovrebbe essere abbinato a una gestione proattiva della domanda. Va inoltre considerato che il sistema MTO non è appropriato per tutti i tipi di prodotti. Relativo al MTO è l’Assemble to Order (ATO), che è una strategia di produzione aziendale in cui i prodotti ordinati dai clienti vengono prodotti rapidamente e sono personalizzabili in una certa misura. La strategia di assemblaggio su ordinazione (ATO) richiede che le parti di base del prodotto siano già fabbricate ma non ancora assemblate. Una volta ricevuto l’ordine, le parti vengono assemblate rapidamente e inviate al cliente.

Make to Order vs. Make to Stock e le loro limitazioni

Le metodologie di produzione tradizionali producono prodotti e li immagazzinano come inventario fino a quando un cliente non li acquista. Questo è noto come Make to Stock (MTS). Tuttavia, questo sistema può essere soggetto a sprechi e obsolescenza, poiché l’inventario si trova sugli scaffali in attesa dell’acquisto. Questo problema è particolarmente acuto in un settore come quello tecnologico, dove il ritmo di avanzamento è rapido e il problema delle scorte obsolete potrebbe sorgere rapidamente. In teoria, il metodo MTS è un ottimo modo per un’azienda di prepararsi ad aumenti e diminuzioni della domanda. Tuttavia, i numeri di inventario e, di conseguenza, la produzione, vengono derivati ​​creando previsioni della domanda futura basate su dati passati. C’è un’alta probabilità che le previsioni siano sbagliate, anche se solo leggermente, il che significa che un’azienda potrebbe essere bloccata con troppe scorte e troppa poca liquidità. Questo è il principale svantaggio del metodo di produzione MTS. Previsioni imprecise porteranno a perdite, derivanti da scorte in eccesso o esaurimento delle scorte e in settori frenetici, come l’elettronica o la tecnologia informatica, le scorte in eccesso possono diventare rapidamente obsolete. Dall’altro lato della medaglia, i due principali inconvenienti della gestione del Make to Order sono la tempestività e il costo della personalizzazione. Se i prodotti sono già sullo scaffale come col Make to Stock, il cliente non deve attendere che il prodotto sia realizzato, assemblato e consegnato secondo le specifiche. Anche il costo è un fattore, in quanto i prodotti prefabbricati e quelli disponibili sono tutti uguali e quindi i costi di produzione sono ridotti grazie alle economie di scala. Fare su ordinazione tenderà ad essere più costoso per il consumatore poiché comporta parti e finiture personalizzabili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *