TeleTrade: Cosa ha aiutato le azioni a rimanere a galla dopo i dati sul lavoro negli Stati Uniti?

di | Dicembre 6, 2022

L’indice Dow Jones di Wall Street ha registrato il prezzo di chiusura più alto della settimana da aprile, mentre tutti e tre i principali indici statunitensi sembrano essere in uno stato d’animo neutrale dopo l’ultimo impressionante rapporto sui dati sul lavoro di novembre. Questa è una svolta piuttosto insolita in una situazione in cui il Dipartimento del Lavoro ha confermato il secondo mese di crescita salariale, con la retribuzione oraria che ha aggiunto un altro 0,6% a novembre contro la previsione di solo lo 0,3%. Quindi, l’aumento annuo dei salari ha raggiunto il 5,1%, rivisto da una base recente del 4,7% appena un mese fa.

Un segnale così chiaramente inflazionistico ha il potenziale per incoraggiare la Federal Reserve (Fed) a intraprendere passi ancora più aggressivi nell’innalzare i tassi di interesse, soprattutto da quando l’autorità di regolamentazione finanziaria ha ripetutamente ammesso che i suoi membri monitoravano i rischi che potrebbero creare una rapida crescita dei salari e che si stanno preparando a rallentare i flussi di una eccessiva domanda dei consumatori. Un altro aspetto è che i nuovi numeri dell’occupazione non agricoli hanno mostrato un solido contributo di 263.000 nuovi posti di lavoro, ben al di sopra delle stime preliminari di circa 200.000.

Il tasso di disoccupazione “normale” è rimasto invariato al 3,7% mentre la cosiddetta misura di disoccupazione “estesa”, che include tutte le persone marginalmente attaccate alla forza lavoro e coloro che hanno un lavoro part-time, è passata dal 6,8% al 6,7%. Questo può sembrare un buon argomento per i rialzisti del mercato, ma non in questo momento. La ragione dei dubbi potrebbe essere che con un mercato del lavoro in crisi è più facile per i funzionari della Fed sventolare una bandiera di rialzo dei tassi. Hanno usato questa ideologia per mostrare che l’economia è forte e inattaccabile, in modo che la Fed non abbia paura di lanciare alcuni scenari estremamente recessivi aumentando i costi di indebitamento per gli imprenditori e, quindi, per i loro dipendenti. Quindi, qualsiasi tipo di dato dal mercato del lavoro ora può rappresentare la più grande minaccia alle possibilità di prolungamento invernale del moderato rally autunnale a Wall Street, commenta Responsabile della gestione del portafoglio di TeleTrade, Ilya Frolov.

In effetti, sia l’indice di mercato Dow che S&P 500 sono scesi di oltre l’1,5% nei primi minuti dopo il rapporto sui salari non agricoli di venerdì, quindi questo fatto ha indicato un aumento istantaneo dell’ansia della folla. Cosa ha aiutato le azioni a riprendersi e poi a rimanere a galla? È probabilmente il fatto che un quadro più positivo sia stato dipinto quando Wall Street ha improvvisamente iniziato a salire da mercoledì scorso, quando il frontman della Fed, Jerome Powell, ha condiviso i suoi commenti personali sulla possibile riduzione degli aumenti dei tassi di interesse durante l’incontro di metà dicembre della Fed. Le speranze che la prossima decisione della Fed sia già stata presa e non venga cambiata occasionalmente sotto l’influenza degli ultimi rilasci statistici sono apparentemente il principale e unico veicolo salvavita per il mercato.

Quanto durerà l’azione di questo veicolo? Forse fino al 14 dicembre, quando si riunirà l’Open Market Committee (FOMC) della Federal Reserve, o forse anche fino a Natale, se le proiezioni di quel documento del FOMC sull’ulteriore traiettoria dei tassi di interesse e del prodotto interno lordo del paese soddisferanno le menti critiche del mercato e i partecipanti hanno dato loro un’altra pausa dai persistenti timori di stagflazione. Un po’ di incertezza in meno sull’allentamento dei severi limiti del COVID-19 in Cina potrebbe diventare il secondo argomento principale del mese.

Resta sempre aggiornato sull’andamento dei mercati finanziari con il Calendario Economico di TeleTrade.

Disclaimer:

Le analisi e le opinioni qui fornite sono intese esclusivamente a fini informativi e didattici e non rappresentano una raccomandazione o un consiglio d’investimento da parte di TeleTrade.


Responsabile della gestione del portafoglio di TeleTrade Ilya Frolov

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *