TeleTrade: I giganti dello streaming sottovalutati agiscono come un’alternativa parziale ai social media e alle tecnologie instabili

di | Luglio 28, 2022

Sarà una settimana calda per i giganti della tecnologia come Apple, Google, Meta Platforms e Microsoft dal momento che usciranno i report finanziari del secondo trimestre e le previsioni aziendali per il resto del 2022 e del 2023. La reazione potrebbe essere ancora molto delicata poiché il sentiment di rimbalzo sembra instabile poco prima della decisione di aumento dei tassi della Federal Reserve (Fed) e dei commenti successivi.

La propensione al rischio non sembra essere aumentata e sui mercati obbligazionari vengono attivati ulteriori freni di protezione. Le imprese di vari settori, che hanno già dato alcuni segnali positivi, al momento sembrano presentare meno rischi. Pertanto, i servizi di streaming globali potrebbero essere tra quelle società che potrebbero dover affrontare una domanda aggiuntiva da parte degli investitori. Le azioni di Netflix, essendo uno tra quelli caduti dall’inizio dell’anno, hanno recuperato di oltre il 16% durante la settimana precedente nonostante la perdita di quasi un milione di abbonati a livello globale tra aprile e giugno, commenta Responsabile della gestione del portafoglio di TeleTrade, Ilya Frolov.

Gli amministratori delegati dell’azienda hanno condiviso l’opinione che il servizio potrebbe trovare fino a due milioni di clienti mancanti nei numeri del secondo trimestre. Ciò ha creato un atteggiamento scioccante a Wall Street, soprattutto perché Netflix ha citato ragioni come la condivisione amichevole delle password come responsabili del calo dei numeri. Se l’uscita dal mercato russo ha un effetto negativo una tantum, una monetizzazione insufficiente in altre parti del mondo che hanno chiaramente un pubblico di spettatori in crescita, come l’America Latina, potrebbe rappresentare una minaccia più evidente per l’orizzonte di investimento. Una recente lettera agli azionisti ha affermato che la società sta già testando almeno due opzioni tecniche per correggere il bug di condivisione delle password, poiché le idee regolari per guadagnare di più da ciascun utente sono fallite a causa dell’ambiente inflazionistico.

Tutto questo sta accadendo insieme agli sforzi per migliorare ulteriormente il contenuto del servizio di streaming, che è stato illustrato in modo potente dagli episodi della serie di fantascienza Stranger Things, che è diventato lo spettacolo più visto in inglese nella storia di Netflix. Ovviamente, quando il servizio ha affermato che ora sta cercando di adottare Stranger Things e altri progetti di successo in franchising nazionali in diversi paesi, ciò è stato accolto solo con applausi. Potrebbe essere importante dal momento che un calo di circa 1,3 milioni di abbonati negli Stati Uniti e Canada, e la mancanza di 770.000 utenti nell’UE, Africa e Medio Oriente, sono stati rapidamente coperti da 1,1 milioni di nuovi abbonati nella regione Asia/Pacifico.

Ulteriori prospettive di un boom dello streaming globale sono ancora discutibili poiché il mondo sta abbandonando la recente modalità di permanenza a casa della pandemia. Tuttavia, le azioni Netflix hanno guadagnato l’11% nelle successive due sessioni di negoziazione dopo l’uscita della serie, poiché l’utile per azione (EPS) ha mostrato $3,20, molto meglio del consenso del pool di esperti di Wall Street di soli $2,94. Considerando i massimi risultati dello scorso anno di $700 per azione, il corridoio di quotazione estremamente basso per Netflix tra $165 e $205 per azione a maggio e giugno sembra già del tutto inadeguato e la folla sembra essere pronta a mantenere livelli almeno intorno a $220, pur pensando chiaramente sulle possibilità di acquisti aggiuntivi.

Allo stesso tempo, il forte calo dei prezzi di gennaio e aprile dopo i due precedenti report, è ancora uno strappo non ancora ricucito, sui grafici tecnici. Ciò potrebbe interferire con un ulteriore recupero dei prezzi, incoraggiando gli investitori a diversificare le loro scommesse in azioni concorrenti tra cui Disney, Warner Bros Discovery, Amazon con la sua Prime TV che ospita nuovi episodi della saga de Il Signore degli Anelli e persino Apple che continua a investire nei propri servizi di streaming. Nel complesso, il settore sembra essere notevolmente sottovalutato. Pertanto, solo le azioni Disney hanno raggiunto il 4,5% dopo il rapporto di Netflix, mentre la pubblicazione di House of Mouse è prevista per il 10 agosto.

Resta sempre aggiornato sull’andamento dei mercati finanziari con il Calendario Economico di TeleTrade

Disclaimer:

L’analisi e le opinioni fornite nel presente documento sono intese esclusivamente a scopo informativo ed educativo e non rappresentano una raccomandazione o un consiglio di investimento da parte di TeleTrade.


Responsabile della gestione del portafoglio di TeleTrade Ilya Frolov

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.