Commercio elettronico, il commercio del terzo millennio

di | Marzo 9, 2022

Commercializzare i propri prodotti su un mercato molto più vasto, per cogliere tutte le opportunità che la compravendita su ampia scala può portare è sicuramente un vantaggio per tutti i commercianti. Questo strumento sicuramente efficace è l’e-commerce, il commercio elettronico. Ormai tutti lo conoscono e lo utilizzano per acquistare comodamente seduti sul divano di casa. È un metodo di scambio a tutti gli effetti che molti commercianti utilizzano per ampliare la propria attività in presenza mentre molti altri utilizzano per sostituire totalmente la compravendita in presenza e dedicarla solo ed esclusivamente all’online. Quello che principalmente lascia un po’ perplessi è il come viene inquadrata questo tipo di attività da un punto di vista fiscale. Va fatta un’enorme distinzione sulla destinazione del proprio e-commerce, se è destinato ad un mercato italiano si avranno delle tasse diverse dallo stesso e-commerce destinato ad un mercato internazionale.

Varie forme di commercio elettronico

Tutto il commercio elettronico è riassunto nell’attività di commercializzare prodotti ed effettuare transazioni attraverso canali web e l’utilizzo di tecnologie informatiche, sia che essi vengano effettuati con moneta elettronica che non. Nell’e-commerce il bene o il servizio da acquistare viene visionato virtualmente su una pagina on line messa a disposizione dal venditore, solitamente un sito web, un app o un portale accessibile attraverso la rete. Il pagamento come detto sopra, non è necessario che venga utilizzato quello elettronico, come carte di credito, o qualsiasi moneta elettronica che si può trasferire con circuiti online o bonifici, poichè anche il contrassegno, quindi la moneta cartacea è prevista spesso come modalità di pagamento per favorire tutti coloro sprovvisti di carte e capacità di gestire monete elettroniche. Così facendo si amplia ancora di più il pubblico di destinazione. Perché un mercato venga definito elettronico si deve verificare che i prodotti siano proposti in formato astratto e digitale e che vengano commercializzati beni o servizi on-line.

Tipologie di e-commerce

Per classificare un commercio on-line rispetto ad un altro bisogna pensare ai soggetti che vengono chiamati nel processo, in base a questi si distinguerà un e-commerce rispetto ad un altro.

  • BtoA, business to administration che si riferisce a tutti quei rapporti tra imprese ed enti non commerciali, gestiti ovviamente tramite reti telematiche
  • BtoB, ovvero il business to business che ha come fine quello di gestire tutte le transazioni tra aziende
  • BtoC, il più conosciuto ed utilizzato dato che è volto al consumatore finale. Business di vendita dove le imprese e tutti gli operatori facenti parte del commercio elettronico offrono servizi e beni al consumatore finale avvalendosi di canali on-line.

Commercio elettronico on-line e off-line

Bisogna fare questa distinzione perché il commercio elettronico si distingue anche per questa caratteristica da non sottovalutare. Come abbiamo detto già sopra la commercializzazione vera e propria avviene on-line, in un mercato astratto quindi è bene porre attenzione al commercio diretto dell’online e a quello indiretto dell’offline che non va confuso con la scelta del bene.
Il commercio elettronico diretto è quello che si sceglie, si paga e si consuma direttamente online. Parliamo di beni immateriali e di servizi che vengono forniti attraverso una rete elettronica, il tutto è autonomo e automatizzato, dove l’impiego risorsa umana è davvero irrisorio. La via in cui tutto si svolge è telematica, qui l’acquirente visiona il catalogo messo on line, effettua la sua scelta, acquista e consuma direttamente in rete o attraverso download. La transazione commerciale viene definita dematerializzata dato che il bene acquistato è immateriale ed intangibile.
Allo stesso tempo il commercio elettronico off line o indiretto riguarda la cessione di beni concreti. Per fare questo sarà comunque presente un catalogo online dove si sceglierà il proprio bene dove saranno riportate immagini, descrizioni, video, o altre indicazioni che possono facilitare la vendita. Accanto a queste sono presenti le modalità di pagamento e di consegna. Proprio questa è la differenza. Il bene in questo caso è concreto e deve poter arrivare al destinatario finale. Il pagamento in questo caso può essere sia digitalizzato che in contanti alla consegna dipende da come lo prevede il venditore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.