​TeleTrade: Wall Street Segnali Rialzisti Neutrali

di | Ottobre 20, 2021

Un nuovo pattern grafico si è formato sull’indice azionario S&P 500 di Wall Street che sembra essere molto simile al cosiddetto “testa e spalle rovesciato”, dopo che giovedì 14 ottobre ha chiuso al di sopra della presunta rottura della “neckline”. Questo, ovviamente, non può essere definito un chiaro segnale rialzista, soprattutto perché questo pattern si è formato in una fase di trend quasi orizzontale, mentre il classico “testa e spalle” viene utilizzato come indicazione tecnica all’interno di tendenze ribassiste a lungo termine. Tuttavia, questo tipo di formazione può essere indirettamente interpretata dagli analisti tecnici come un sottile segnale di “sell upticks”, che potrebbe portare alla sua trasformazione, in un mercato laterale, con possibilità più o meno elevate, di raggiungere prima o poi livelli superiori ai 4.550 punti.

Cosa può aver causato questa ondata di moderato ottimismo nel mercato degli ultimi due giorni? Sono almeno due i fattori principali che avrebbero potuto svolgere un ruolo di catalizzatori. Questi due fattori sono i dati sull’inflazione statunitense mostrati nell’indice dei prezzi al consumo (CPI) e i rapporti trimestrali delle tre principali istituzioni finanziarie di Wall Street, tra cui Bank of America Corp, Citigroup e Morgan Stanley, che hanno tutti superato le stime preliminari di utili medi, commenta il Responsabile della gestione del portafoglio di TeleTrade Ilya Frolov.

In termini di entrate totali, i risultati della Bank of America sono stati solo dello 0,7% in più bassi rispetto alla sua migliore performance dall’inizio della pandemia e del 5,2% in più rispetto alle previsioni di consenso. La causa è stata principalmente il rilascio di ulteriori riserve, che sono state salvate al fine di coprire i rischi di perdite del portafoglio crediti. E’ stata anche la mossa compiuta dall’IPO e la politica di investimento che hanno aiutato immensamente questo successo. Pertanto, anche la Bank of America ha stabilito un nuovo record assoluto sopra i 45 dollari per azione.

Morgan Stanley si è comportata in modo piuttosto cauto dopo la pubblicazione del rapporto Q3, aumentando “solo” del 2,5% il prezzo. Ma si può capire, considerando che le azioni di questo gigante finanziario hanno precedentemente battuto quattro volte i nuovi record storici dell’istituzione nel corso di quest’anno. Le azioni di Citigroup sembrano ancora essere leggermente indietro rispetto ai concorrenti in termini di dinamica dei prezzi. Tuttavia, sono considerati stabili in una posizione di partenza comoda per il prossimo possibile rialzo, che si trova al di sopra dei recenti minimi correttivi.

La reazione di un’altra potente banca americana, JP Morgan Chase, si è distinta rispetto alle altre, poiché le sue azioni sono diminuite di oltre il 3% dopo la pubblicazione del terzo trimestre di mercoledì. Tuttavia, anche JP Morgan ha già compensato la maggior parte di questa perdita il giorno successivo, mentre il rapporto stesso può essere definito in maniera controversa solo molto “debole”. Infatti, le previsioni della maggior parte degli esperti, erano cifre di fatturato inferiori. Inoltre, erano più deboli solo rispetto ai due trimestri precedenti che erano stati molto forti, ma comunque migliori delle entrate medie prima della pandemia, con un nuovo livello di guadagni di $3,74 per azione, che era quasi il 24% superiore alle aspettative che era $3 per azione. Dati già forniti da Reuters e Bloomberg.

Per quanto riguarda il Cpi Usa, è salito al 5,4% della “soglia” annuale cioè solo dello 0,1%, come già più volte confermato nei mesi precedenti, non ha battuto, almeno per ora, il record di inflazione del 2021. Ancora più notevole è l’IPC core, che ignora i prezzi elevati dell’energia e del cibo. Questo indicatore di inflazione “pura” non è aumentato neanche di un punto rimanendo fermo al livello del 4,0%, che è ancora dello 0,5% inferiore al picco del 4,5% del core CPI di luglio. I valori di inflazione di ottobre non sono così spaventosi, anche se combinati con il numero, chiaramente insufficiente, di nuovi posti di lavoro negli Stati Uniti tra agosto e settembre. Ciò potrebbe migliorare le possibilità di una posizione più tollerante della Federal Reserve alla sua prossima riunione.

Inoltre, proprio l’altro giorno Wells Fargo ha pubblicato uno studio molto approfondito, che ha cercato di confermare la tesi secondo cui negli ultimi vent’anni i mercati azionari nella maggior parte dei casi hanno risposto con una crescita protettiva aggiuntiva e non con disastri o crolli, alle esplosioni inflazionistiche. Essi hanno studiato le 15 principali classi di attività per scoprire quale di esse ha avuto il rendimento migliore e peggiore durante i periodi di inflazione dal 2000 ad oggi, e il risultato potrebbe essere di grande interesse per gli esperti di rally rialzisti. Il rendimento dei titoli ciclici è risultato in media vicino al 16% durante i periodi inflazionistici, mentre era di circa il 12% per i titoli growth del listino S&P 500, che è anche un risultato molto positivo, ed era almeno dell’8% per il valore scorte.

Si scopre che coloro che scommettono contro le azioni S&P500, dovrebbero preoccuparsi di più dell’inflazione rispetto a coloro che continuano ad operare con il classico schema “compra e mantieni”. Forse il mercato fa ancora affidamento sulla monetizzazione di schemi ben funzionanti delle principali società globali più di quanto tema la potenziale influenza di flussi limitati di denaro fresco a causa di alcuni tassi di interesse elevati da parte delle autorità di regolamentazione. “Le azioni come gruppo hanno generato rendimenti impressionanti in periodi di aumento dell’inflazione, con livelli che hanno superato significativamente l’impatto dell’inflazione”, ha affermato Chao Ma responsabile del portafoglio globale e del gruppo di strategie di investimento di Wells Fargo, nell’analisi settimanale del mercato del gruppo sul rapporto degli indici di mercato rilasciato il 22 giugno 2021. È anche “un buon promemoria per non premere automaticamente il pulsante di vendita delle azioni S&P 500” ai segnali di inflazione, ha aggiunto.

Il miglior gruppo di asset, in mezzo alle inquietudini inflazionistiche, si è rivelato essere i titoli del settore petrolifero, la cui capitalizzazione è schizzata di oltre il 40%, secondo la stessa analisi di Wells Fargo. A proposito, lo United States Oil Fund (USO), che è uno degli ETF più noti che seguono il prezzo del petrolio, è cresciuto del 69,2% nel 2021, questo salto si è rivelato più significativo di altri ETF analizzati da Wells Fargo. I titoli dei mercati emergenti sono ancora più contraddittori durante la pandemia, ma negli ultimi vent’anni hanno dimostrato che i mercati emergenti erano al secondo posto dopo gli asset petroliferi con una crescita media di circa il 18%, mentre gli strumenti auriferi venivano dopo. Allo stesso tempo, gli investitori “conservatori” potrebbero essere pronti a prepararsi alle perdite dalla maggior parte dell’obbligazioni quando l’inflazione tende a crescere.

Resta sempre aggiornato sull’andamento dei mercati finanziari con il Calendario Economico di TeleTrade

Disclaimer:

L’analisi e le opinioni fornite nel presente documento sono intese esclusivamente a scopo informativo ed educativo e non rappresentano una raccomandazione o un consiglio di investimento da parte di TeleTrade.


Responsabile della gestione del portafoglio di TeleTrade Ilya Frolov

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.