Lavoratori precoci e pensione: anticipo pensionistico

di | Gennaio 18, 2017

Lavoratori precoci e pensione: quali sono i requisiti e quando non avviene la penalizzazione

Quando si fa riferimento al delicato tema delle pensioni, molto spesso si parla di lavoratori precoci, specialmente in occasione di argomenti come l’Ape sociale e la pensione anticipata. Ma chi sono i lavoratori precoci e perché questa categoria di lavoratori dipendenti può suscitare così tanto interesse nel sistema pensionistico italiano?

Il lavoratore si dice precoce quando ha maturato i seguenti requisiti: ovvero, quando sia in possesso di almeno 12 mesi di contributi che siano stati accreditati prima del compimento del 19° anno di età. In sostanza, un lavoratore è precoce se ha iniziato a lavorare prima dei 18 anni e pertanto può dirsi “in netto anticipo” dal punto di vista lavorativo e professionale, ma anche sotto il profilo pensionistico, rispetto a molti altri lavoratori.

Il pensionamento, nel caso del lavoratore precoce, avviene pertanto con 41 anni di contributi: in questo caso, non vi è alcuna penalizzazione sull’importo della pensione che non viene pertanto ridotto; nel caso in cui gli anni di contributi fossero invece 42 e 10 mesi (per gli uomini), è prevista la penalizzazione sull’importo. Questo tipo di pensione viene chiamata quota 41 e non è possibile utilizzare, accanto ad essa, attività lavorative subordinate oppure autonome.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.