TeleTrade: Un Baby Rally potrebbe far crescere le corna rialziste?

di | Marzo 21, 2022

Gli indici di Wall Street sono tornati ai massimi di due settimane fa in seguito alla decisione sui tassi di interesse della Federal Reserve (Fed), che sembri formare un crinale tra l’era della pandemia di tassi ad interesse zero o estremamente bassi e un periodo transitorio di normalizzazione delle politiche sui tassi. Dopo che la Fed ha annunciato una nuova fascia di interesse allo 0,25-0,5% e una previsione di altri sette passaggi simili entro la fine del 2022 con il tasso di interesse che dovrebbe raggiungere il livello di 1,9% entro la fine dell’anno, l’indice Nasdaq ha perso quasi il 2% ma il settore high-tech è tornato in territorio nettamente positivo ed è addirittura cresciuto del 3,77%.

In larga misura, questo settore è diventato il leader come crescita insieme ad aziende giganti come Amazon (+3,89%), Apple (+2,90%) e Tesla (+4,78%). Questi titoli comprendono la quota maggiore di fondi di investimento globali. La mossa moderata da falco del regolatore degli Stati Uniti ha spinto l’indice S&P 500 al rialzo del 2,24%.

Ciò potrebbe indicare un certo riscaldamento del sentiment generale del mercato, anche se le prossime due settimane potrebbero mostrare se questo piccolo rally sopravviverà e si espanderà su scala più ampia. La grande maggioranza della comunità di esperti si aspettava che la Fed potesse alzare i tassi solo cinque o sei volte nel 2022 e quattro o cinque volte nel 2023, ma in realtà il mercato ha ricevuto una spinta verso l’alto più repentina. La Fed ha più volte però dimostrato in passato di non seguire sempre le proprie proiezioni, commenta Responsabile della gestione del portafoglio di TeleTrade, Ilya Frolov.

“Sentire la Fed finalmente ‘dire e agire’ per affrontare l’inflazione è in qualche modo calmante per la comunità degli investitori e per Main Street alle prese con l’aumento dell’inflazione”, ha commentato Jim Paulsen, chief investment strategist presso The Leuthold Group a Minneapolis sul motivo per cui i mercati potrebbero essere parzialmente sollevati. “La menzione di Powell secondo cui il prelievo di bilancio potrebbe valere un ulteriore aumento e il commento sull’allentamento dell’inflazione dei prezzi delle merci (per quanto piccola) potrebbe aver calmato un po’ i timori del mercato”, ha scritto lo stratega di Standard Chartered Steve Englander. Alcuni altri esperti sono più preoccupati. “Sembra che la Fed intenda causare una recessione per eliminare il problema dell’inflazione e questo è assurdo, è come definire l’inflazione solo transitoria “, ha affermato Scott Ladner, chief investment officer di Horizon Investments, nella Carolina del Nord. “Auguro buona fortuna a Jay Powell e soci perché sarà difficiel che riusciranno a raggiungere i loro obiettivi come pensano, a meno che non siano disposti a lasciare molte persone senza lavoro, perché è quello che accadrà, perché così avremo una recessione”, ha detto Joseph LaVorgna, capo economista di Natixis a New York, condividendo il suo totale scetticismo.

Uno studio della Deutsche Bank su 13 cicli di rialzo dei tassi nel 1955 ha mostrato che l’inizio di un inasprimento della politica monetaria è stato spesso accompagnato da solidi guadagni delle azioni. Gli analisti della banca affermano che l’S&P 500 ha restituito in media il 7,7% nel primo anno da quando la Fed ha iniziato ad aumentare i tassi. In media, “ci vogliono circa tre anni dal primo aumento della Fed alla recessione”, ha detto Jim Reid di Deutsche Bank. Anche i 17 rialzi dei tassi nel periodo dal 2004 al 2006 non hanno impedito altri due anni di ripresa del mercato prima che i tassi di interesse eccessivamente alti oltre il 5% annuo potessero davvero dare un contributo negativo all’ulteriore crollo della crisi nel 2008. Ora, i piani della Fed sono di avere un tasso medio non superiore al 2,5% entro il 2023, nulla in confronto alla minaccia di aumenti dei prezzi a doppia cifra con il 7,9% di crescita ufficiale dei prezzi al consumo già negli Stati Uniti e il 5,8% in Europa con una chiara prospettiva inflazionistica molto instabile.

Resta sempre aggiornato sull’andamento dei mercati finanziari con il Calendario Economico di TeleTrade

Disclaimer:

L’analisi e le opinioni fornite nel presente documento sono intese esclusivamente a scopo informativo ed educativo e non rappresentano una raccomandazione o un consiglio di investimento da parte di TeleTrade.


Responsabile della gestione del portafoglio di TeleTrade Ilya Frolov

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.