Meta estera pensione: la più gettonata se i soldi non bastano

Meta estera pensione

Meta estera pensione: cresce sempre di più il numero dei pensionati italiani che non arrivano a fine mese e che per questo motivo preferiscono continuare la loro vita all’estero

La pressione fiscale in Italia sembra esagerata non solo per le aziende o per i lavoratori dipendenti e indipendenti ma anche per chi è in pensione: la triste scelta di tanti pensionati italiani è quella di trasferirsi all’estero e più precisamente in paesi dove la pressione fiscale sia più agiata e possa consentire a loro di arri vare a fine mese in tuta tranquillità.

Le mete scelte dagli italiani sarebbero state studiate attraverso un’indagine mirata dal Centro studi di Itinerari Previdenziali e sarebbero per lo più il Canada, la Germania e l’Australia che avrebbero visto arrivare per immigrazione in totale 150mila italiani: esistono ovviamente anche altre mete come la Svizzera, la Francia e la Gran Bretagna.

Lo studio che è stato effettuato da questo centro includerebbe anche i cittadini italiani che sono stati accolti dai paesi esteri anche tanto tempo fa e con parte dell’attività lavorativa svolta fuori dall’Italia: i pensionati, nello specifico, preferiscono posti che sono quasi universalmente considerati dei veri e propri paradisi fiscali come la Thailandia, la Bulgaria e la Tunisia.

Leggi Anche  Zte polo tecnologico a L'Aquila apre oggi

Aggiungi Commento