Zte polo tecnologico a L’Aquila apre oggi

Zte polo tecnologico

Inaugurato oggi il Zte polo tecnologico, un centro di ricerca tra i più avanzati al mondo che darà lavoro a 600 superspecializzati in Italia. Il polo tecnologico abruzzese vedrà protagonisti gli scienziati di casa nostra e quelli della cinese Zte. Oggetto del grande laboratorio, la tecnologia delle comunicazioni 5G, il futuro ancora più veloce della connessione.

Non a caso oggi, all’inaugurazione, c’è stata la prima trasmissione (dimostrativa) in 5G. Uno streaming che ha trasmesso 2,3 gigabit al secondo.

Zte: la presentazione

Alla presentazione del nuovo complesso tecnologico da 1000mq c’era l’amministratore delegato di Zte per l’Europa occidentale, Hu Kun, che ha anche parlato dei motivi che hanno portato i cinesi a scegliere l’Aquila e l’Italia. L’Italia è per noi un paese strategico, perché il governo sta spingendo verso ricerca e innovazione e perché il mercato si aspetta molto dalle nuove tecnologie”. Queste le parole del numero uno di Zte in Europa. L’Aquila è stata scelta perché simbolo di rinascita, dopo la distruzione. Ma soprattutto l’Italia è stata la prima nazione a concedere le frequenze per il 5G, per spingere l’innovazione in questo settore.

È dunque il paese dove iniziare con un investimento da 500 milioni in cinque anni, oltre ai 100 spesi per l’apertura del laboratorio.
Ed è la prima volta che si mette in moto un sistema 5G che porterà in futuro il mondo delle telecomunicazioni versa traguardi non ancora raggiunti. La Zte ha già cominciato a lavorare con i vari partner italiani, a partire da Wind Tre, Linkem, Open Fiber e Tim. Partiti un anno fa, oggi vedono realizzare la prima trasmissione dati, per il momento solo dimostrativa, ma che dovrà sostenere le potenzialità dei dispositivi futuri.

Leggi Anche  Morto Ingvar Kamprad, il fondatore di Ikea

I Cinesi vogliono continuare a collaborare con l’Italia dopo aver già messo sul piatto 12 miliardi. Ad accompagnare il nuovo capo della struttura Fabio Graziosi c’erano il sindaco Biondi, il presidente della regione D’Alfonso e Gianni Letta, abruzzese di nascita.

Aggiungi Commento