Lavoro nero: emergenza Italia, sono 3,3 milioni i senza contratto

Lavoro nero

Aumenta il lavoro nero in Italia, e anche se i dati sono un po’ vecchi, (triennio 2012-2015), sono allarmanti. Una vera emergenza, con ben 3,3 milioni di lavoratori in nero censiti. Il lavoro sommerso continua ad aumentare in Italia, e il triennio in esame segna un +6,3%, con maggiore incidenza nel Meridione.

I numeri del lavoro nero

Chi lavora in casa ha il 60% delle probabilità di non avere un contratto, seguito dai lavoratori agricoli, con il 23,4%. Agli artisti non va meglio, con il 22,7%, e poi la ristorazione, dove i senza contratto sono il 17,7%. Anche il settore edile vede una forte incidenza del lavoro nero, con il 16,1%.

Per quanto riguarda i dati regionali, la Calabria è la regione con più lavoro sommerso, con il 9,9% della forza lavoro, e poi la Sicilia (8,1%). Altre maglie nere tutte al sud, con la Puglia al 7,6%, e la Sardegna e il Molise con il 7,0%.

A dare i numeri è la Fondazione Censis e Confcooperative. A spiegare il fenomeno, il presidente di Confcooperative, Maurizio Gardini: “Attraverso questo focus denunciamo ancora una volta e diciamo basta a chi ottiene vantaggio competitivo attraverso il taglio irregolare del costo del lavoro, che vuol dire diritti negati e lavoratori sfruttati”.
Tra le cause, secondo le associazioni, la crisi, che però da sola non giustifica il dato allarmante che non ha eguali in Europa. I lavoratori, con la crisi, sono costretti ad accettare condizioni illegali, ma i dati erano già allarmanti prima della crisi.

Il problema del lavoro nero in Italia è cronico, e chi ha provato a denunciare, ha ben compreso il muro contro il quale va a scontrarsi. Un piccolo miglioramento c’è stato con l’accentramento delle ispezioni, ma al tempo stesso si sono perse preziose risorse.

Leggi Anche  Preparare le perfette scatole per il trasloco

Gli ispettori sono cronicamente pochi, e non riescono a far fronte alle denunce. Una cattiva cultura del lavoro accompagna il fenomeno, sia tra i lavoratori che tra i datori di lavoro.

Ma non sono solo i diritti ad essere violati. Il lavoro nero produce una spirale di evasione fiscale e contributiva. “Le imprese che ricorrono al lavoro irregolare riducono il costo del lavoro di oltre il 50%” con gravi conseguenze per la concorrenza. Inoltre lasciano i lavoratori “privi delle coperture previdenziali, assistenziali e sanitarie per un’evasione tributaria e contributiva pari a 107,7 miliardi”. Queste le parola di Andrea Toma della Fondazione Censis.

Aggiungi Commento