Ecofin avvia procedura sanzioni Spagna e Portogallo

Ecofin

Sanzioni da parte di Ecofin per non rispetto regole riduzione rapporto Pil/deficit

Giorni di grandi manovre e di importanti decisioni, per quel che concerne il Consiglio dell’Unione Europea. Se, infatti, ieri è stato l’Eurogruppo a riunirsi a Bruxelles, presso la sede centrale del Consiglio, e nell’occasione ha presenziato anche il ministro italiano dell’economia e della finanza Pier Carlo Padoan, oggi è stata invece la volta di Ecofin.

I vari ministri dell’economia e delle finanze europei hanno dunque discusso di varie questioni, incluse quelle relative a due paesi membri, vale a dire Portogallo e Spagna, che teoricamente andrebbero incontro ad alcune insidiose sanzioni.

Già, teoricamente: perché, in realtà, allo stato attuale delle cose, tale situazione appare fortunatamente piuttosto improbabile. È stata sì avviata, infatti, la procedura che appesantirebbe le due nazioni delle già citate sanzioni, e tuttavia c’è fiducia da più parti affinché la cosa possa risolversi senza l’applicazione delle stesse.

Infatti, Spagna e Portogallo non erano riusciti a rispettare la riduzione del rapporto Pil/deficit per gli anni 2014 e 2015. Tuttavia, grazie anche all’intercessione di Peter Kazimir, ministro dell’economia e delle finanze della Slovacchia e, per l’occasione, presidente del Consiglio Ecofin, qualora i due paesi decidessero di adottare ulteriori impegni per ridurre il deficit (soluzione che con ogni probabilità verrà messa in atto), anche le suddette sanzioni verrebbero di fatto azzerate.

Leggi Anche  Aumento bollette da gennaio 2018: un salasso per le famiglie italiane

Aggiungi Commento